LOADING PLEASE WAIT
Image
Cell: 3357200201

Visite guidate alle ville Tuscolane patrimonio dell’UNESCO

Le Ville Tuscolane sono un complesso di splendide ville rinascimentali, per lo più ben conservate fino ad oggi, costruite dalla nobiltà papale, fra la metà del XVI e gli inizi del XVII secolo tra Frascati, Monteporzio Catone e Grottaferrata, alle pendici del Colle del Tuscolo, dove nei giorni limpidi la vista spazia dalla costa del mar Tirreno alle colline della Sabina.

Sorgono tutte negli stessi luoghi in cui erano state edificate ville romane d’epoca imperiale. Quasi tutte hanno la facciata rivolta verso Roma, in modo che gli ospiti potessero vedere la campagna intorno alla città, le rovine degli acquedotti e la cupola di San Pietro.

Le Ville Tuscolane sono dieci così distribuite sul territorio dei Castelli Romani: a Frascati sono site Villa Aldobrandini, Villa Falconieri, Villa Lancellotti, Villa Sora, Villa Torlonia, Villa Tuscolana; a Monte Porzio Catone sono site Villa Mondragone e Villa Taverna Borghese (Parisi); a Grottaferrata sono site Villa Grazioli, Villa Muti.

Costruite dalla nobiltà papapale fin dal XVI secolo, le Ville Tuscolane erano un simbolo di prestigio dell’ aristocrazia romana ed erano destinate all’attività di rappresentanza ed al soggiorno estivo della corte pontificia. Da iniziali case di campagna circondate da terre coltivate e da boschi, divennero veri e propri palazzi signorili, grazie all’intervento dei più valenti architetti ed artisti dei secoli XVI e XVII ( fra i quali il Vignola, Martino Longhi il Vecchio, il Vasanzio, Giacomo della Porta, Carlo Maderno, Giovanni Fontana, Borromini ed il Vanvitelli).

Nelle Ville e nei giardini rinascimentali del Tuscolo riecheggiano le memorie dell’Antica Roma. E’ anche per questo che erano meta del “Gran Tour”, il viaggio di formazione dei rampolli dell’aristocrazia europea e di grandi viaggiatori come Goethe, Scateaubriand e tanti altri, che fra il ‘700 e l’800 venivano a visitare l’Italia.
Mirabile esempio di Ville integrate nel paesaggio, il complesso architettonico e paesistico delle Ville Tuscolane costituisce un patrimonio di straordinario valore universale, da valorizzare e tutelare in tutti i modi possibili.

UNESCO

Sono state già avviate le trattative per l’inserimento delle Ville Tuscolane nel patrimonio dell’Unesco.
L’Unesco ha come obiettivo primario salvaguardare siti importanti, sia dal punto di vista naturalistico che storico architettonico, la cui conservazione, valorizzazione e manutenzione è ritenuta fondamentale e indiscutibile dalla comunità mondiale.

Perché inserire proprio le ville Tuscolane?
Le ville tuscolane rappresentano un “unicum” che non può non essere annoverato tra i siti più importanti dal punto di vista culturale e artistico.

Dagli imperatori ai papi, dalle famiglie patrizie dell’antica Roma a quelle aristocratiche della corte pontificia: questa è la linea ideale di continuità storica fra le ville romane d’epoca imperiale e le ville Tuscolane cinquecentesche. La suggestione delle antiche memorie ha determinato la costruzione delle ville cinquecentesche accanto a siti archeologici di residenze antiche: gli impianti nuovi si sovrappongono agli antichi sfruttando ciò che serve come i terrazzamenti, i terrapieni, le cisterne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *